Tifosi chiamati a raccolta al Gewiss Stadium

Fabio Gennari |

Atalanta – Roma, gara valida per la 31esima giornata di campionato, è la prima di 5 partite (su 8) che i bergamaschi giocheranno di fronte al proprio pubblico da qui alla fine del torneo. Nonostante i numeri dicano che la Dea ha un rendimento migliore fuori che in casa nel massimo campionato italiano con Gasperini (52,3% di vittorie contro il 50,8%, 26,9% di pareggi contro il 24,2% e 20,8% di sconfitte contro il 25%), è innegabile che il grande abbraccio del Gewiss Stadium, in questi momenti, può fare davvero molto bene a tutto il gruppo atalantino. In occasione del match con i giallorossi di Mourinho, allo stadio ci sono le due Curve e i Distinti Sud completamente esauriti. Anche da Roma ci si attende un ottimo seguito e la speranza è che l’impianto di Viale Giulio Cesare torni ad essere un catino complicatissimo per le avversarie. Se i tifosi bergamaschi riusciranno a fare questo tipo di differenza allora l’Atalanta avrà più possibilità di vincere. Certo, i tifosi non giocano ma abbiamo centinaia di esempi di partite che sono state ribaltate oppure hanno avuto un grande condizionamento rispetto a quello che possono dare i sostenitori dagli spalti. 

Chi è rimasto a Bergamo e non è scappato via per il Ponte del 25 aprile, non può mancare questo appuntamento. Il Bologna e la Fiorentina hanno perso e rimangono rispettivamente a -5 e -7 per una Dea che avrà dunque anche l’occasione di allungare un po’ su chi insegue, cercando magari di tenere il passo con chi è davanti. I tifosi lo sanno bene, sui social e al bar si parla molto di un’Atalanta che è un po’ in difficoltà sul piano fisico, ma che ha il grande merito di mettere sempre in campo tutto quello che può alla ricerca del risultato. Tanti tifosi comprendono molto bene la situazione e chi ancora ha negli occhi i fasti della Champions è bene che torni con i piedi sulla terra: nessuno, dalle parti di Zingonia, vuole evitare di sognare ma bisogna anche essere un po’ pragmatici e fare i conti con la realtà. L’Atalanta, oggi, vale un posto appena dietro le quattro che andranno in Europa: per ogni altro discorso tocca battere la Roma. E nemmeno solo quello. 

Il pubblico della Curva Nord Pisani, settore con posti esauriti (Ph: A. Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Semifinale di Europa League a un passo

Eugenio Sorrentino |
17 Aprile 2024
“L’Atalanta gioca in tre competizioni e ci auguriamo che continui ad essere impegnata su tre fronti il mese di maggio”. Non è stato l’incipit di Gi...

La Dea domina e spreca rimontata dal Verona

Eugenio Sorrentino |
15 Aprile 2024
Un punto invece di tre. L’Atalanta spreca quanto di buono fatto nella prima parte di gara, con una prestazione degna di quanto visto a Liverpool in...

Gasperini non cerca alibi ma sprona ad andare a...

Fabrizio Carcano |
15 Aprile 2024
Giocando tante partite ravvicinate qualcosa si lascia per strada, qualche punto si perde per strada. Gian Piero Gasperini non gira intorno ai disco...