Var o non Var questo il problema

Eugenio Sorrentino |

Quando Gian Piero Gasperini faceva riflessioni sulla funzione del Var e dell’effettiva funzione di supporto all’arbitro in campo, di fatto esprimeva una preoccupazione che è palese e coinvolge gli addetti ai lavori come l’ultimo degli spettatori. Uno sgambetto, voluto o accidentale, è sempre fallo. Un comportamento violento, sotto gli occhi del direttore di gara, può essere passibile di cartellino rosso. Se il pallone finisce sul braccio o viene toccato di mano alterando la dinamica del pallone, è sempre stato fallo tutta la vita. Che l’arbitro possa non vedere un episodio falloso è comprensibile. Che il Var non provveda a richiamarne l’attenzione, invitandolo a una più attenta valutazione sulla base delle immagini oggi disponibili da ogni angolazione, stride con il principio stesso con cui è stata introdotta la tecnologia. Abbiamo assistito di turno in turno a episodi davvero eclatanti. In molti casi l’arbitro si fida ciecamente del Var, da cui può essere tratto in inganno, anche in materia di fuorigioco attivo o passivo. Allora cos’è l’addetto al Var? Un supervisor inappellabile? Allora perché tante sospensioni dopo proteste roboanti e fermi immagine che non lascerebbero dubbi neppure a un bambino? Un ex arbitro dotato di tanto buon senso, come Casarin, sottolinea come il Var sia stato adottato per permettere a chi dirige la partita di andare a rivedere le immagini, e quindi potere eventualmente correggere una decisione o prendere una in funzione di ciò che ha potuto valutare meglio allo schermo. Poi, invece, capitano episodi che incidono sul corretto andamento di partite e campionato. Così è se vi pare, in senso pirandelliano

Malinovskyi a colloquio con l’arbitro Doveri dopo l’annullamento del suo gol per un fuorigioco inesistente (Ph: A. Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Re Federer lascia, viva il re

Eugenio Sorrentino |
15 Settembre 2022
“Chiedi chi erano i Beatles” cantavano gli Stadio quando Roger Federer aveva poco più di tre anni. Verrà un giorno in cui gli amanti del tennis non...

La lezione di Marcell Jacobs

Eugenio Sorrentino |
17 Agosto 2022
Molto spesso le critiche ai grandi campioni dello sport arrivano da chi, poco addentro ai fatti, pretende di saperne, arrogandosi il diritto di sen...

Il grande esempio di Giacinto Facchetti

Eugenio Sorrentino |
18 Luglio 2022
Il 18 luglio 1942 nasceva, a Treviglio, Giacinto Facchetti, in assoluto una bandiera dell’Inter diventata grande con Helenio Herrera e con la quale...