VBG91 fa tris di vittorie e sale al sesto posto

Eugenio Sorrentino |

In una serata da Amarcord al Pala Intred, con la presenza delle ex rossoblù Maurizio Cacciatori e Maja Poljak, e in più il ricordo commosso della brasiliana Isabel Barroso a Bergamo nel primo anno di A1, il Volley Bergamo 1991 ottiene vittoria e tre punti imponendosi per 3-1 (20-25 25-22 25-21 ) a Megabox Vallefoglia. Terzo successo consecutivo che permette alle rossoblù di raggiungere quota 14 in classifica e scavalcare Il Bisonte Firenze per la sesta piazza.

Rossoblù irriconoscibili nel primo set, con percentuali nettamente al di sotto di una media accettabile per stare in partita. Una partenza a handicap compensata dalla reazione nella seconda frazione, quando la ricezione ritrovata ha ridato equilibrio e il martello di Lanier ha pesato, come pure e in modo decisivo quello di Frosini con una serie di quattro punti consecutivi nel finale, serviti a pareggiare i conti. Il sestetto di Micoli, con il felice innesto di Frosini (saranno 14 i suoi punti alla fine) e il contributo di May in posto 4, ha ritrovato brillantezza nella terza frazione, migliorando decisamente le percentuali in ricezione e attacco e arrivando a maturare otto punti di vantaggio, rintuzzando due tentativi di rimonta di Vallefoglia. La prova di maturità arriva nel quarto set, a metà del quale le rossoblù accusano qualche sbavatura ma recuperano con padronanza con l’efficacia sia a rete che in ricezione.

LA CRONACA

Stefano Micoli conferma il 6+1, con Gennari in regia, Cagnin in posto 4, Lanier e Lorrayna martelli, Stufi e Butigan centrali, libero Cecchetto. Bergamo in difficoltà nei primi scambi, con un filotto di 4 punti a zero che costringe Micoli a chiamare subito timeout. Il muro di Butigan spezza la serie, ma le marchigiane riprendono a martellare, approfittando anche di errori e imprecisioni in campo rossoblù, portandosi sull’1-8. Dopo un break di due punti, Vallefoglia riprende a marciare e ad avere gioco facile. Micoli torna a fermare il match sul parziale di 3-11. Bergamo mantiene il gap di 8 punti fino al 10-18, quando entrà Turlà al posto di Lorrayna. Le rossoblù cominciano a rendere più efficace la ricezione e gli attacchi da posto 4, riducendo il margine a -5 (16-21). Rientra Lorrayna, ma Vallefoglia guadagna cinque set-point, mettendo a segno il secondo per il 20-25.

Bergamo si ripresenta in campo con bel altro piglio e sembra una squadra ritrovata quando va sul 4-0, inducendo il coach marchigiano a chiamare il timeout. Il confronto diventa più equilibrata, ma nel frattempo Lanier esce dal quasi anonimato del primo set e mette a terra palle pesanti. Un paio di indecisioni in ricezione riportano Vallefoglia a -1 (9-8), poi dopo un paio di rotazioni per parte, in cui Bergamo smarrisce l’equilibrio, le marchigiane ribaltano il parziale (11-13). Dopo il timeout di Micoli, le rossoblù reagiscono impedendo di farsi distanziare. Lanier attacca e ottiene due punti che riportano Bergamo avanti (15-14). L’americana continua a martellare e quando l’attacco di Vallefoglia finisce fuori il parziale si fissa sul 19-16. Due palle out riportano a -1 le marchigiane (20-19), un muro e tre attacchi vincenti di Frosini, subentrata a Lorrayna, portano Bergamo sul 24-22. Un errore in attacco di Vallefoglia consegna il secondo set alle rossoblù (25-22). 

Nel terzo set  Bergamo prende il largo (9-5), con Vallefoglia che prova a restare aggrappata, ma i muri e gli attacchi vincenti delle rossoblù fanno la differenza (17-9). Quando le marchigiane recupero 3 lunghezze, arriva puntuale il timeout di Micoli. Il riavvicinamento continua (18-15) e le rossoblù lo interrompono sul 20-17, allungando fino a ottenere il 24-18. Dopo tre set-point e annullati e il timeout di Micoli, il muro di capitan Stufi chiude la contesa del terzo set (25-21). Nella quarta frazione Bergamo spezza l’equilibrio nel punteggio portandosi sull’11-7, ma poi subisce un nuovo blackout che consente a Vallefoglia di ribaltare (12-14). Immediata la controrisposta delle rossoblù, che però perdono tre scambi consecutivi (15-18). Micoli le ricarica e  sulla battuta di Frosini impattano e ribaltano (19-18). Lanier firma due attacchi vincenti per il 22-19, Frosini fa +4 con un mani out. E’ di Lanier (15 punti il suo bottino finale) l’attacco che vale il 25-21. Tocca a Giulia Gennari la palma di MPV. Sul fronte opposto 20 punti di Kosheleva.

Un muro di Butigan e Lanier, migliore realizzatrice rossoblù con 15 punti (credits: Pernice Editori)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Carlo Parisi nuovo coach Volley Bergamo 1991

Redazione |
17 Aprile 2024
Il Volley Bergamo 1991 ha ufficializzato l’arrivo di Carlo Parisi, nuovo coach. Il suo palmares è di tutto rispetto. Uno Scudetto, una Coppa Italia...

Carlo Parisi in pole per la panchina di VBG91

Michele Ferruggia |
16 Aprile 2024
Sulla panchina de Il Bisonte Firenze ha chiuso la regular season al decimo posto, contribuendo alla salvezza di Volley Bergamo 1991 con la vittoria...

CBL resta in A2 con il titolo sportivo di Cuneo...

Federico Errante |
16 Aprile 2024
La notizia, già nell’aria da tempo, ha assunto i crismi dell’ufficialità. Pur retrocessa sul campo, la Cbl resta in serie A2. Il club d...