WithU Bergamo prolunga la serie con Cividale

Simone Fornoni |

Della serie, quando nonostante si sia incerottati serve andare sotto 2-0 anche in semifinale con Cividale per ritrovare energie e orogoglio. Ihedioha ko, Negri tifoso in tribuna ad usual, bonus precoce quando mancano più di sette sinfonie ai titoli di coda e Dell’Agnello (19+12+5) che cala a livello realizzativo dopo aver dominato da solo (quindicina secca) un consistente spicchio del primo tempo. Il 73-68 della WithU Bergamo che non t’aspetti, per prolungarla almeno fino a domenica (24-18, 11-12, 16-17, 22-21).

Anche senza il quadricipite del lungo, che consente di là a Battistini (16+9) e a Miani (5+11) di pungere nei due pitturati, la buona e lesta circolazione di palla arancioblù entro metà del quarto d’avvio manda a segno tutti i piccoli, il 4 adattato Bedini (2) e ovviamente l’immancabile figlio d’arte, 11 punti di 24 dei suoi infilandoci anche la bombetta per la decina piena di vantaggio sul 22-12 a un tris dal primo passaggio cronometrici. I friulani dalla lunga ci prendono inizialmente solo con Chiera (17) e del mezzo post Paesano (8) per contenere il gap entro limiti recuperabili, ma tra i Cagnardi-boys c’è l’addizione Isotta, altro eroe bergamasco da ventello che attacca il ferro non solo in transizione nell’uno-due con Simoncelli ma pure rubacchiando la linea di fondo, vedi 30-22 del nuovo allunghino a un settebello dalla sirena corta. Una rotazione da otto deve dar fondo a tutto, Cagliani (8) compreso per il successivo più 9 dalla carità incrementato dal lay up rovesciato dall’italo-svizzero (33-22, 5′), poi imitato da Sodero (9) col piazzato a quota 35, con Manenti sotto i tabelloni a pasticciare contro Ohenhen (2) che dimezza le distanze per coach Pillastrini in fase di rottura prolungata da parte bergamasca.

Allo start della ripresa le due provvidenziali ciuffate di Savoldelli (9+5+4) durano poco, perché il play nemico Eugenio Rota (10) usa bene il perno per il meno 2 (39-37, 1’20”) – Mouaha (7) non sfrutta l’antisportivo del migliore di casa – per poi firmare il controsorpasso number one dall’arco con Battistini a tentare la fuga da sotto (39-42, 4′). L’invenzione caglianesca per il gioco da 3 punti a 2’15” dall’ultima passerella d’orologio riporta avanti gli orobici, che fanno saltare in piedi i 765 del PalaAgnelli col lancio da football americano di Savoldelli per la seconda inchiodata isottiana, 47-44 a 11’49” dal gong, mentre Sodero a ruota trova il palleggio-arresto e tiro di una nuova minifuga accompagnato dal play-guardia ticinese in entrata acrobatica. Fermo a 15 dall’intervallo, l’erede di Sandrokan sfodera il preferito appoggio con la mano debole (57-50, 2’20”). Isotta azzecca il 13 e il 16 (63-56, 4’20”) nello shootout con Chiera (Almansi 2, Cassese 1), che farà anche la quinta personale dopo il secondo fallo tecnico da auto-esclusione di Rota. Più 4 con altrettanti giri di lancetta da giocare (66-62): non si segna nemmeno a pregare, Battistini e Mouaha la pareggiano (9′), anche se il top labronico (assist di un Simoncelli ridotto a 6, ma coi due liberi conclusivi) e il suo degno compagno, missile del 71-68 a 39 secondi dall’urlo di gioia collettivo, ne hanno ancora.

Devis Cagnardi ha ottenuto la risposta attesa dalla sua squadra, vincendo Gara-3 (credits: ufficio stampa Bergamo Basket 2014)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Edelweiss Albino recupererà la gara fermata dal...

Luciano Locatelli |
29 Novembre 2022
Lieto fine per la Playing For Bergamo Edelweiss Albino che sabato 26 novembre non aveva potuto disputare l’incontro casalingo contro il Team 86 Vil...

BB14 due match casalinghi per tornare a vincere

Fabrizio Carcano |
29 Novembre 2022
Bergamo Basket 2014 chiude il mese di novembre tornando a giocare in casa, mercoledì 30 alle 20:30 all’Italcementi, affrontando la Virtus Lumezzane...

BB14 sconfitta anche a Padova

Fabrizio Carcano |
27 Novembre 2022
Precipita la Bergamo Basket 2014. La serie di sconfitte si allunga: cinque nelle ultime sei giornate. Una crisi evidente di gioco e di risultati. L...