Atalanta a mani vuote e Gasperini mastica amaro

Fabrizio Carcano |

“Nelle ultime domeniche siamo stati penalizzati da alcuni episodi, alcuni errori nostri. Eravamo riusciti a ribaltare l’inerzia oggi, poi l’errore sul secondo gol, l’errore è abbastanza chiaro. Questi errori poi li paghi. È un errore molto ingenuo, è un bel regalo”.

Gian Piero Gasperini mastica amaro dopo la seconda sconfitta consecutiva quasi ‘fotocopia’: tre settimane fa il ko contro l’Inter capolista con un copione analogo a quello odierno con il Napoli con il maldestro rigore provocato da Musso e l’errore sul rinvio di Ederson sul raddoppio di Lautaro. E anche oggi una buona prestazione dell’Atalanta che esce a mani vuote dopo un errore.

“Peccato per l’errore che ci è costato il secondo gol. Alcuni episodi che ci complicano la vita non ci permettono di alzare il livello. Purtroppo, ci capita spesso nelle ultime domeniche. La squadra, quando si libera di certe paure, mette in difficoltà anche avversari importanti, ma è chiaro che le big ti costringono a qualche errore in più. Quando siamo stati più aggressivi abbiamo migliorato molto”. 

Dea più in difficoltà nei primi 45 minuti, ha riconosciuto Gasperini, elogiando la sua squadra per la prova offerta nella ripresa.

“Nel primo tempo abbiamo avuto difficoltà anche per merito del Napoli, eravamo un po’ a metà strada difendevamo male con gli attaccanti e gli esterni. Nel secondo tempo è stata un’altra Atalanta. Nella ripresa davanti abbiamo fatto bene, abbiamo girato l’inerzia della gara, poi è venuto fuori questo gol, che ci penalizza, ma ci deve far riflettere: abbiamo bisogno di essere un po’ più continui, altrimenti siamo soggetti a giocare alla pari, ma poi rischiamo di uscire con molto rammarico”.

Ancora un errore del portiere, dopo quelli costati i rigori contro l’Inter e l’Udinese.

“I nostri portieri però in queste giornate hanno fatto parate importanti. L’alternanza tra i portieri? È conseguenza della scelta di tenere due portieri e finora alternandoli hanno sempre fatto la loro parte, poi nelle ultime domeniche hanno commesso alcuni errori”.

Dea in emergenza difensiva, agli indisponibili Toloi e Palomino rischia di aggiungersi Kolasinac uscito nel finale per un pestone rimediato da Osimhen (“Vediamo se può recuperare per giovedì per lo Sporting”), mentre per Zappacosta il rischio è di uno stop più lungo per la distorsione alla caviglia.

Intanto c’è stata la prima volta per il ventenne Giovanni Bonfanti: “Era un po’ che volevo farlo esordire, sta giocando con la under 23, rappresenta il modello Atalanta, quello di far crescere e lanciare i vari giocatori del settore giovanile. Può essere una politica molto giusta, ma poi puoi pagare qualcosa”.

Gian Piero Gasperini all’inizio della partita sperava di non rivedere certi errori, che si sono rivelati decisivi (Ph: A. Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Musso e il nodo secondo portiere

Fabrizio Carcano |
15 Giugno 2024
Tra i nodi da sciogliere in questo mese di giugno per la dirigenza nerazzurra e lo staff tecnico ci sarà la questione del secondo portiere. Scontat...

Riscatto CDK è andata come doveva andare

Fabio Gennari |
13 Giugno 2024
È andata come doveva andare. Come è giusto, logico e importante che andasse. Il primo “acquisto” dell’Atalanta 2024/25 è un ragaz...

Ederson felice all'Atalanta si gode la Selecao

Eugenio Sorrentino |
12 Giugno 2024
Il brasiliano Ederson si sente un giocatore dell’Atalanta e in questo momento pensa al Brasile che lo ha convocato nell’organico verdeoro per la Co...