Brembo a fianco del settore giovanile Atalanta

Fabio Garghentini |

Brembo, sponsor del Settore Giovanile dell’Atalanta dalla stagione 2017-2018, ha rinnovato il proprio impegno per le stagioni 2023-2024 e 2024-2025. Impegno ufficializzato nel corso di una conferenza stampa tenutasi all’Accademia Favini del centro sportivo Bortolotti di Zingonia e a cui sono intervenuti l’Amministratore Delegato dell’Atalanta, Luca Percassi, Cristina Bombassei, Chief CSR Officier di Brembo e Roberto Samaden, responsabile del settore giovanile dell’Atalanta. 

“Oggi è una giornata molto importante per la storia dell’Atalanta, la più grande attività imprenditoriale del nostro territorio ha deciso di rinnovare questa partnership e questo ci riempie di orgoglio – ha dichiarato Luca Percassi – Io tutte le volte che ho occasione di stare con Cristina imparo e questa collaborazione ci dà sempre nuovi spunti per imparare ancora.” Anche la Chief CSR Officier di Brembo si è detta molto soddisfatta per il rinnovo di questo accordo: “E’ il settimo anno di fila che rinnoviamo questa partnership in cui crediamo moltissimo e che ci ha dato tantissimo. L’intento di questa collaborazione non è solo sportiva ma è radicata anche nei valori dello sport, crediamo infatti nella disciplina educativa tramandata a quelli che saranno gli uomini del futuro. Il premio Brembo Atalanta rimane il cuore di questo progetto ed è nato per gratificare chi è meritevole dal punto di vista agonistico, del fair play e anche dal punto di vista scolastico, per uno sviluppo del talento che non è solo calcistico.” Roberto Samaden ha completato il pensiero comune insito nello spirito della collaborazione con Brembo: “la considero una grandissima opportunità, le parole che sono state dette rappresentano al meglio quello che è il settore giovanile, la parte tecnica non è infatti separata da quella educativa. Permettere ai ragazzi di stare in un bell’ambiente fa la differenza per chi passa da qui, nel momento in cui diventeranno calciatori saranno calciatori migliori mentre per quelli che non lo diventeranno saranno uomini migliori. Questo è un premio che ho sempre ritenuto bello e significativo, perché è di questo che i ragazzi hanno bisogno.”

L’amministratore delegato si è poi espresso sulla novità di questa stagione e della presenza dell’Atalanta U23 nel campionato professionistico di serie C “E’ un progetto che abbiamo sempre sperato di poter realizzare e abbiamo deciso di iniziarlo con grande passione. Noi siamo sempre concentrati sul futuro dell’Atalanta per fare in modo che il nostro ambiente sia sempre all’avanguardia.” Roberto Samaden ha aggiunto “Questa viene vista come un’opportunità non solo interna ma anche da fuori, molti giocatori sono infatti spinti a venir qui proprio per mettersi in mostra nel campionato professionistico”.

Luca Percassi, il 19enne Alessio Guerini della Primavera Atalanta, Cristina Bombassei e Roberto Samaden (credits: atalanta.it)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Padova si conferma bestia nera della U23

Fabrizio Carcano |
13 Aprile 2024
Il Padova si conferma bestia nera per l’Atalanta under23 (in generale in difficoltà con tutte le squadre venete, Vicenza, Arzignano, Legnago e Virt...

La Dea di Liverpool incarna il calcio ben giocato

Federica Sorrentino |
12 Aprile 2024
La voglia di stupire, in casa Atalanta, non è mai mancata. Il mondo del pallone con i suoi osservatori previlegiati dovrebbe esserci abituato e inv...

Atalanta da sogno travolge i Reds

Eugenio Sorrentino |
11 Aprile 2024
L’Atalanta riscrive la storia e replica l’impresa allo stadio Anfield, dove aveva già vinto nella sua seconda annata in Champions League, imponendo...