Scamacca buca e l’Atalanta vola in zona Champions

Eugenio Sorrentino |

L’Atalanta prende quota al Castellani di Empoli, dove il vento mette le ali a una squadra sempre più sicura e autorevole, che incassa i tre punti con cui scavalca in classifica i campioni d’Italia del Napoli. La fotografia della vittoriosa trasferta in Toscana è riassunta nel bellissimo gesto tecnico di Scamacca, che ha sbloccato il risultato alla prima occasione sfoggiando un colpo di tacco da vero fuoriclasse. Gol bissato a inizio ripresa con un colpo di qualità e potenza, dopo avere confezionato l’assist per il raddoppio di Koopmeiners nel primo tempo. Merito dell’Atalanta avere assunto il comando del gioco, surclassando l’Empoli in termini di intensità e possesso palla, e non essersi accontentata di un risultato messo al sicuro già a metà partita. La squadra di Gasperini torna da Empoli anche con la buona notizia del pieno recupero di Hateboer, tornato a spingere e sfrecciare sulla destra. E se De Roon potrà raccontare di avere festeggiato nel migliore dei modi le sue 250 presenze con la maglia dell’Atalanta, Gasperini si gode la risposta avuta da Scamacca e compagni. Tutti oltre la sufficienza, con lode all’attaccante.

LA CRONACA

Gasperini ripropone Scalvini e Scamacca titolari, affida la fascia destra a Hateboer in assenza di Zappacosta e preferisce Lookman a De Ketelaere. Andreazzoli con il 4-3-3 che ha permesso all’Empoli di passare a Firenze.

L’Atalanta si presenta al Castellani con un autentico gioiello tecnico di Gianluca Scamacca, che dopo 5’ sigla il vantaggio ricevendo palla in area da Lookman e facendo passare il pallone sotto le gambe di Berisha in uscita con un geniale colpo di tacco. Gesto di rara bellezza che fa strabuzzare gli occhi al ct Spalletti in tribuna e fa apparire Gasperini per niente sorpreso di quanto l’attaccante sia capace. L’Empoli non si abbatte e prova a risalire, l’Atalanta contiene e fa girare palla, con Lookman che spesso arretra costringendo Luperto ad abbandonare la linea difensiva, liberando le fasce presiediate da Ruggeri e dal ritrovato Hateboer. Al 17’ al termine di un’azione collettiva, Ederson mira all’angolo più lontano facendo stampare il pallone sul palo. Dopo tre minuti, Scamacca fa il bis con un colpo di testa, ma il gol viene annullato per un fuorigioco precedente di Koopmeiners. Al 23’, dopo una cavalcata vecchia maniera di Hateboer, Scamacca ci riprova di testa e Berisha è pronto e ben piazzato, così come poco dopo su conclusione di Ruggeri. Atalanta resta padrona del campo, grazie a una circolazione ragionata che permette di coprire gli spazi e attaccare la profondità. E poco prima della mezz’ora arriva il raddoppio firmato da Koopmeiners, che conclude un’azione lunga e insistita a cui partecipano tutti i giocatori di movimento. Il suo sinistro dall’interno dell’area buca la sagoma di Cacace e sorprende Berisha che vede il pallone passargli di fianco. Ad inizio ripresa, Scalvini alle prese con i postumi di una lombalgia lascia il posto a Toloi. E dopo 6’ un assist di De Roon permette a Scamacca di realizzare la sua doppietta con un tiro secco di destro a fil di palo che non lascia scampo a Berisha. Dopo lo 0-3 l’Atalanta continua a costruire azioni offensive e occasioni da rete e, dopo una sassata di Cancellieri respinta da Musso, Scamacca sfiora la tripletta rubando palla a Ebuehi al vertice sinistro dell’area e fa letteralmente tremare la traversa. Andreazzoli avvia il giro di sostituzioni inserendo Ismajli e Gyasi al posto di Walukiewicz e Cambiaghi. Al 20’ Gasperini richiama l’uomo partita Scamacca e Koopmeiners, mandando in campo De Ketelaere e Pasalic. La voglia di gol non si spegne. Ci prova anche Toloi su azione da corner con palla di poco alta sulla traversa. Alla mezz’ora finisce la partita di Maleh e Cancellieri, avvicendati da Fazzini e Maldini. Subito dopo spazio anche all’uomo di coppa, Luis Muriel, che subentra a Lookman. Al 35’ i nuovi entrati nelle file dell’Empoli confezionano un’occasione da rete con conclusione di Fazzini, a cui si oppone Musso. Nel finale, scampolo di partita per Bakker al posto di Ruggeri, una conclusione di Hateboer che costringe Berisha ad accartocciarsi e un tiro a lato di Gyasi che per il settimo clean sheet in dieci partite. Finisce con tre gol all’attivo, che potevano essere molti di più. E’ festa per i 481 sostenitori al seguito dell’Atalanta, che a Empoli ha sfoggiato la terza maglia nuova di sartoria.

EMPOLI – ATALANTA 0-3

EMPOLI (4-3-1-2): Berisha 5 Ebuehi 5 Walukiewicz 4.5 (18’ st Ismajli 5.5) Luperto 5 Cacace 5.5 Marin 5 (37’ st Bastoni sv) Grassi 5 Maleh 5 (30’ st Fazzini 5.5) Cancellieri 5 (30’ st Maldini 5.5) Caputo 6 Cambiaghi 5.5 (18’ st Gyasi 5.5). A disposizione: Perisan, Caprile, Shpendi, Kovalenko, Guarino, Bereszynski, Ranocchia. Allenatore: Andreazzoli

ATALANTA (3-4-1-2): Musso 6.5 Scalvini 6 (1’ st Toloi 6.5) Djimsiti 6.5 Kolasinac 7 Hateboer 7 de Roon 7 Ederson 7 Ruggeri 7 (41’ st Bakker sv) Koopmeiners 7 (20’ st Pasalic 6) Lookman 7 (31’ st Muriel 6) Scamacca 9 (20’ st De Ketelaere 6). A disposizione: Carnesecchi Rossi, Holm, Bonfanti, Zortea, Adopo, Miranchuk. Allenatore: Gasperini

Arbitro: Massimi 6.5. Guardalinee: Dei Giudici e Yoshikaa. IV Uomo: Ferrieri Caputi. Var: Serra AVar: Gariglio

Marcatori: pt 5’ Scamacca 29’ Koopmeiners; sy 6’ Scamacca

Ammoniti: Maleh, Gyasi, Fazzini

Recupero: 1, 4

Seconda doppietta in campionato per Gianluca Scamacca, uomo partita con in più un assist e una traversa (Ph: Alberto Mariani)

Photogallery Empoli-Atalanta 0-3 (Ph: A. Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Semifinale di Europa League a un passo

Eugenio Sorrentino |
17 Aprile 2024
“L’Atalanta gioca in tre competizioni e ci auguriamo che continui ad essere impegnata su tre fronti il mese di maggio”. Non è stato l’incipit di Gi...

La Dea domina e spreca rimontata dal Verona

Eugenio Sorrentino |
15 Aprile 2024
Un punto invece di tre. L’Atalanta spreca quanto di buono fatto nella prima parte di gara, con una prestazione degna di quanto visto a Liverpool in...

Gasperini non cerca alibi ma sprona ad andare a...

Fabrizio Carcano |
15 Aprile 2024
Giocando tante partite ravvicinate qualcosa si lascia per strada, qualche punto si perde per strada. Gian Piero Gasperini non gira intorno ai disco...